Caig 13 febbraio 2012 4 commenti

Dopo poco tempo dal rilascio di Razor-qt 0.4, ecco una nuova versione, seppur minore, dell’ambiente desktop leggero, minimale e basato sulle librerie Qt che si propone come un’alternativa sempre più valida ai vari progetti analoghi basati sulle onnipresenti GTK.

Il rilascio 0.4.1 offre agli utenti un numero non trascurabile di novità, più di quanto si potrebbe sospettare sulla base del minimo incremento del numero di versione.

Desktop di Razor-qt 0.4

Gli sviluppatori hanno scelto di distribuire questo rilascio minore con il primario obiettivo di chiarire il quadro delle licenze utilizzate dal progetto perché, come evidenziato da alcuni utenti, fino alla versione 0.4 Razor-qt segnalava in modo confuso e spesso contraddittorio la licenza dei vari componenti. Questo rappresentava un possibile ostacolo per la creazione di pacchetti ufficiali per le distribuzioni interessate ad includere Razor-qt nei propri repository. Con il rilascio 0.4.1 la situazione delle licenze è stata chiarita e semplificata.

Ma tra il rilascio 0.4 e il 0.4.1 gli sviluppatori non hanno naturalmente smesso di lavorare e quindi possono anche offrire varie novità per i propri utenti. Vediamole in dettaglio.

Vengono introdotti tre nuovi componenti per ampliare le funzioni offerte dall’ambiente:

  • razor-policykit, uno strumento che consente di interfacciare la sessione desktop con PolicyKit per consentire operazioni come l’esecuzione di programmi con i permessi di un altro utente, ecc.
  • razor-power, un semplice strumento che offre agli utenti un riquadro grafico per chiudere la sessione, spegnere o riavviare il pc, procedere con una sospensione o un’ibernazione. Per ora questo componente risulta difficilmente accessibile perché il menu del desktop integra direttamente le voci per queste funzioni escludendo di fatto l’utilizzo di questo componente.
  • razor-autosuspend, un’applicazione per il vassoio di sistema che consente di gestire le operazioni di sospensione/ripristino su un computer portatile.

razor-power
Il riquadro di razor-power

razor-autosuspend
Le opzioni di razor-autosuspend

Il pannello è ora maggiormente configurabile. Il supporto per la disposizione verticale permette di posizionare il pannello su uno dei due lati dello schermo e non solo in basso o in alto. Un’opzione particolarmente utile per schermi con una risoluzione verticale limitata come nel caso dei netbook.

Pannello in verticale

Sempre per quanto riguarda il pannello è ora possibile regolare l’altezza, la larghezza e l’allineamento. L’implementazione non è immune da difetti, soprattutto in caso di valori di altezza ridotti, molto dipende dal tema in uso.

Opzioni del pannello
Nuove opzioni del pannello

Il plugin Orologio del pannello è ora in grado di offrire un semplice calendario accessibile con un clic.

Il calendario di Razor-qt

Razor-qt 0.4.1 include la traduzione delle interfacce in italiano e in altre lingue (ceco, cinese, greco, slovacco, spagnolo, tedesco e ungherese).

Tra le altre novità vengono segnalate il miglioramento della funzione di avvio automatico delle applicazioni, l’inclusione di un nuovo tema denominato Ambiance, la correzione di un problema del componente che gestisce la sessione del desktop, vari aggiornamenti e miglioramenti minori non immediatamente visibili all’utente.

Non mancano vari piccoli difetti, ma vista la giovane età del progetto si può ancora chiudere un occhio e magari, con un poco di pazienza, iniziare ad usare questo piccolo ambiente desktop Qt.

Sito web di Razor-qt

Razor-qt è disponibile sia per openSUSE che per Mandriva:

per openSUSE 12.1 è sufficiente aggiungere tramite YaST questo repository:

http://download.opensuse.org/repositories/X11:/QtDesktop/openSUSE_12.1/

Per Mandriva sono disponibili i pacchetti in /contrib/backports.

Articoli correlati:

  1. Razor, un desktop Qt
  2. Razor 0.4: un nuovo passo per il desktop Qt alternativo
  3. Rilasciato KDE 4.9.3, subito disponibile anche per openSUSE!
  4. Minetest: un mondo di voxel per Mandriva e openSUSE
  5. Be::Shell, un nuovo volto per KDE